Top
  >  Italia   >  BOLOGNA: ALLA SCOPERTA DELLA MIA CITTA’

Spesso quando si pensa ai viaggi si pensa alle Maldive, agli Stati Uniti o alla Nuova Zelanda e si dà per scontato la propria città, quella dove si è cresciuti, dove si sono collezionati ricordi, dove ogni angolo sa di qualcuno.

Si può visitare, esplorare, degustare anche nella città natale.

Oggi voglio parlarvi di Bologna, dei suoi soprannomi e dei suoi segreti.

Usually when you think about travel you consider Maldives, the US or New Zeland.

People don’t consider their hometown, the town where they grew up, where they collected so many memories, where every corner smells about someone.

You can visit, explore, taste your hometown too.

Today I want to talk about Bologna, about its nicknames and its secrets.

.. I SOPRANNOMI

LA DOTTA: questo è il primo dei suoi nomi, dovuto alla presenza dell’università Alma Mater Studiorium, la prima d’Occidente, costruita nel 1088.

Studenti da tutto il mondo scelgono le facoltà più disparate e si trasferiscono qui.

This is the first of the nicknames, that means clever, due to the presence of the University “Alma Mater Studiorum” , built in 1088.

Students come here from all over the world just to study in this University.

LA GRASSA: facile intuire il motivo, Bologna è famosissima per le “ZDAURE” (signore) come la mia nonna, che impastano pasta fresca per tortellini, lasagne e tagliatelle che vengono condite con il Ragù fatto in casa.

Infine l’insaccato collegato alla città per antonomasia, la Mortadella (denominata appunto “la Bologna”) da mangiare rigorosamente con Tigelle e Crescentine.

This nickname, the Fat, means that Bologna is famous for its women, like my grandma, that knead some fresh pasta every day like tortellini, lasagne and tagliatelle that can be eaten with handmade ragù sauce.

You need to remember also Mortadella ( famous bagged called “La Bologna”) that you must eat with Tigelle and Crescentine.

LA ROSSA: così chiamata per i suoi tetti e per la sua storica posizione politica.

The Red one, because of its rooftops and its political ideoligy.

LA TURRITA: ultimo nomignolo che la caratterizza, ovviamente per la presenza di torri che, tra il XII e XIII secolo erano più di 100. Attualmente ne rimangono 22 e due di queste sono proprio il simbolo del luogo.

The city of towers, because of its tower that in XII and XIII century were 100 towers. Now there are only 22 left in the city and two of those are the symbol of Bologna.

..COSA FARE IN CENTRO

Il centro abitato è a misura d’uomo, non ai livelli di Roma o Milano ma sicuramente merita una visita.

I luoghi di interesse partono sicuramente dalla sua grande piazza, Piazza Maggiore, dove potreste incontrare Cesare Cremonini che beve un caffè e legge il giornale al “Cafè Vittorio Emanuele”.

Qui troverete la fontana del Nettuno e la chiesa di San Petronio, dove nelle sere d’estate viene allestito il cinema all’aperto. Esperienza davvero emozionante.

Se è una giornata soleggiata e con poco vento potrete girare attorno alla famosa chiesa e salire, a piedi o in ascensore, sulla Terrazza di San Petronio.

Qui si può prenotare un aperitivo nel weekend (il costo è di ca. 25€ ma ne varrà la pena) o semplicemente scattare una foto ricordo dei famosi “colli bolognesi”.

Proseguendo dalla Piazza ci si affaccia su via d’Azeglio, zona pedonale in cui si trova la casa del cantante Lucio Dalla.

Spostandosi su via Rizzoli sarete incantati dalle due torri, Garisenda e Torre degli Asinelli, su quest’ultima con un pò di coraggio potrete anche salire per 498 scalini e godervi la fantastica vista della città.

Tip: non andateci se dovete ancora laurearvi, i bolognesi sono davvero superstiziosi!

Se volete fare shopping potete andare a fare una “vasca” per via Indipendenza che nel weekend diventa completamente pedonale.

Per lo shopping di lusso invece dovete assolutamente visitare Galleria Cavour, in cui potrete comprare dalla borsa di Louis Vuitton all’anello di Tiffany.

Allungatevi verso Porta Nova e fate un salto da Stregatè dove potete immergervi nel profumo inebriante del tè e scegliere quale miscela vi piace di più, creando così il vostro souvenir personalizzato.

Per sentirsi dei veri studenti universitari dovete invece proseguire dalle torri a via Zamboni, in cui troverete la facoltà di Economia, di Astronomia,di informatica e così via.

Passando per Piazza Verdi troverete un neolaureato ridicolmente vestito, brillo e che magari vi chiederà aiuto per uno dei quiz che gli amici gli hanno organizzato.

Prima di metterti a tavola passa per via Clavature, via Pescherie Vecchie, via Drapperie, vicoli che partono da piazza Maggiore in cui potete perdervi nei colori e negli odori dei negozi di frutta e verdura, pesce, insaccati e formaggi.

Perchè non farvi un aperitivo prima di pranzo?!

Per gustare invece la vera Bologna in tavola vi consiglio alcune delle tante trattorie in centro come il “Biasanot” o “Alice”.

For a lunch with a view go to “Bottega i Portici” where you will find women kneading kilos of pasta and you can have a meal on the terrace under the two towers.

In the afternoon have a coffee in Piazza Santo Stefano, relaxing yourself and admiring seven churches.

To spend some time in the nature seeing the sunset go to Giardini Margherita, the green zone of the city.

Per un pranzo in un posto più moderno ma allo stesso tempo tipico invece consiglio la “Bottega i Portici”, piccolo ristorantino in cui vedrete le famose “sfogline” che impastano kili e kili di sfoglia in vetrina e da cui potrete godere di un tavolino in terrazzo proprio sotto le due torri.

Nel pomeriggio vi consiglio di fare un giro fino a Piazza Santo Stefano e bere un caffè sui tavoli appoggiati ai sanpietrini per godervi un pò di pace e ammirare le sette chiese.

Per godervi un tranquillo tramonto potete andare ai Giardini Margherita, il polmone verde della città.

Bologna offre sempre cose da fare, la sera puoi bere un drink in via del Pratello, vedere un concerto al Parco Nord o all’Unipol Arena oppure cenare a lume di candela alla “Bottega di Franco”.

The city center is beautiful, not as big as Milan and Rome, but it is worth the visit.

Here you can find the big square, Piazza Maggiore, where you can meet the singer Cesare Cremonini drinking coffee and reading newspaper at “Cafè Vittorio Emanuele”.

In the square there is the well-known Neptune’s fountain and San Petronio church, an outdoor cinema set in the summernights. This is an amazing exprience.

If it is a sunny day and without wind you can go to the church’s terrace by feet or using elevator to admire the view from the top.

Here there is the possibility to book an Happyhour (the price is 25€ which is suitable for the experience) or just take a picture to have a memory of the city and its hills.

If you go from Piazza Maggiore to Via D’Azeglio you can find the house of the singer Lucio Dalla.

Then go to Via Rizzoli and discover the wonderful two towers of Bologna, Garisenda and Asinelli, You can climb the 498 steps of the Asinelli tower and enjoy the view from there.

Tip: Don’t climb if you aren’t graduated yet, Bologna’s people are very superstitious.

If you want to do some shopping you can go to via Indipendenza, but if you prefer luxiourios shopping you must go to Galleria Cavour , where you can buy a Louis Vuitton’s bag or a Tiffany’s ring.

I advice you to go to Porta Nova in Stregatè shop where you can immerge yourself in the perfume of the tea and select your favorite one, creating a marvellous souvenir.

Just to feel like a student you need to go to Via Zamboni, where you can find the faculty of Economics, Astronomy , IT and so forth.

Eventually walking through Piazza Verdi you can find a fresh gradueted guys ridiculously dressed, drunked and probably asking you for help solving the quiz his/her friends had prepare to him/her.

Before eating don’t forget to go to Via Clavature, Via Pescherie Vecchie or Via Drapperie , narrow street starting from Piazza Maggiore where you can enjoy the colours and the odor of the shops that sells fruits, vegetables, fish, meat and cheese.

Why don’t you sit for an Happy Hour before lunch?

If you want to taste Bologna you can go to “Biasanot” or “Alice”, some of the typical Taverns.

For a lunch with a view go to “Bottega i Portici” where you will find women kneading kilos of pasta and you can have a meal on the terrace in front of the two towers.

In the afternoon have a coffee at Piazza Santo Stefano, relaxing yourself and admiring the seven churches.

To spend some time immersed in nature and watch the sunset, go to Giardini Margherita, the green zone of the city.

Bologna offers always something to do, in the night you can have a drink at via del Pratello, enjoy a concert at Parco Nord o Unipol Arena or have a candle light dinner at “Bottega di Franco”.

..LO SLANG

Voglio darvi qualche dritta per non sertirvi spaesati girando per la città e incontrando dei locali.

Sentirete sicuramente la parola “Vez” , un modo per dire ragazzo.

Sappiate che a Bologna si sta in “Balotta” (in gruppo) e girando per le vie incontrando un cantiere edile ci sarà per forza un “Umarel” , un signore anziano che passa il tempo dando un’occhiata.

Non stupitevi se vicino ai campanelli troverete la targhetta “tiro” perchè qui per aprire si dice così.

Perfavore non lasciare del “rusco” in giro, cioè i rifiuti.

Se ti dicono “polleg” dovete stare tranquilli.

In ultimo qualcuno ti dirà che ha una “bazza”, un’offerta.

I want to help you with the slang of Bologna, You can heard the word “Vez” that means guys.

Remember that in Bologna people walk in “Balotta” so in a group, If you are nearby a constraction site you will see an old man there, that we call “Umarel”.

Near the ring bell you can find written “tiro” , we use this word to say that we will open the door.

Don’t forget to throw the “rusco” (waste) in the garbage.

If someone tells you that he/she has a “bazza” means that he/she has an offer for you.

At least don’t be afraid if someone tells you “polleg” because he/she is saying keep calm.

..I SEGRETI DI BOLOGNA

Un’altra curiosità sono appunto i sette segreti da scovare in centro.

Mi sento buona, ve li svelo di seguito..

1) Il primo lo sapete già, sono i particolari soprannomi.

2) Un altro lo trovate in Piazza Maggiore e vi strapperà sicuramente un sorriso, se guardate la statua del Nettuno dalla Sala Borsa noterete che il suo indice sembrerà un’erezione.

3) Rimanendo in piazza, più precisamente sotto il voltone di Palazzo del Podestà se, con il/la compagno/a di viaggio, vi mettete ai due angoli opposti potete fare due chiacchiere in modo originale. Lui/lei vi sentirà. Vi state chiedendo com’è possibile?

Il motivo è che è stato costruito questo ‘canale’ di comunicazione a distanza nel Medioevo per far confessare i lebbrosi. 

4) In via Indipendenza all’angolo di via Rizzoli troverete, sul pavimento, la scritta “Panis vita, canabis protectio, vinum laetitia” , tradotto dal latino “Il pane è vita, il vino è allegria, la cannabis è protezione”. Si riferisce alla ricchezza che la coltivazione della canapa ha portato alla città.

5) Questo lo scoverete solo se sarete così atletici da salire sulla Torre degli Asinelli perchè ci troverete un vaso rotto che simboleggia la capacità della città di risolvere i problemi

6) Il penultimo vi strapperà una foto perchè se percorrete via Piella troverete una piccola finestra che dà sul canale e vi sembrerà subito di essere a Venezia, per questo motivo si chiama “Little Venice”

7) Ultimo ma non per importanza, lo trovate a Corte Isolani. Se passeggiando alzate la testa troverete tre frecce conficcate, si narra siano state scagliate da tre briganti che distratti da una bella donzella abbiano sbagliato mira.

The city hides 7 secrets:

1) The first one concern the several nicknames Bologna has.

2) The other one is in Piazza Maggiore. If you go to Sala Borsa and look to the Neptune’s fontain you will find something strange in the statue. His finger will seems like his erection, this will make you laugh, I know.

3) If you go to the archway of Palazzo Podestà with your friends go to the opposite corner and you will be able to speak from one side to another! Are wondering why?

This is because of the construction of the remote comunication channel in Medieval time to allow lepers to confess.

4) In Via Indipendenza, in the corner between via Rizzoli you will find on the floor the latin phrase “Panis vita, canabis protectio, vinum laetitia” which means “Bread is life, wine is happiness and cannabis is protection” to remind the importance that hemp cultivation had in the city.

5) To find this secret you need to be athletic and climb the Asinelli’s tower, there is a broken jar, symbol of the problem solving of Bologna

6) Seeing this you must stop and take a picture! If you go to via Piella you will fell like being in Venice. There is a little window in the wall showing the canal. This is the reason why this is called “little Venice”.

7) Last but not least is the secret in Corte Isolani. If you take a walk there and look upwards you will find three arrows stucked in the wall. Legend tells that three robbers hurled the arrows , but they were distracted by a beautiful woman and they miss the target.

… NON SOLO CENTRO MA ANCHE DINTORNI

Non è solo il centro città ad essere interessante ma anche i dintorni possono offrirvi belle sensazioni.

  • Se siete in cerca di relax e natura dovete per forza andare sui colli come i 300 scalini, Monte Donato oppure l’eremo di Tizzano.

Tip: portatevi un telo, una birra e una palla.

  • Se invece vi sentite sportivi armatevi di scarpe e abiti comodi e iniziate a percorrere il portico fino al Santuario di San Luca, il portico più lungo del mondo (3796 Mt) che termina con la basilica. Vi permetterà di sentirvi locali, infatti i bolognesi fanno spesso dei fioretti dicendo ” Se riesco in questo, vado a San Luca a piedi… “
  • Se amate il calcio informatevi su che partite ospiterà lo stadio “Renato Dall’Ara”
  • Per gli amanti dei motori, Bologna offre diversi Musei come quello della “Ducati”, “Ferrari” oppure”Lamborghini”
  • Se siete appassionati di gastronomia e volete vivere un esperienza particolare dovete andare al “Fico” in cui mangiare, bere, vedere animali e acquistare prodotti italiani
  • Potete infine, se la creatività vi contraddistingue, fare un giro al “Mast”, costruzione visivamente davvero particolare che offre mostre di fotografia davvero interessanti.

Not only city centre but neighboord too..

  • If you are looking for some nature and relax go to the famous hills of Bologna, for example to 300 scalini, Monte Donato or eremo di Tizzano.

tip: don’t forget your beach towel, a bottle of beer and a ball.

  • If you feel sporty take your sneakers and jumpsuit and start San Luca’s fontporch, the largest of the world (3796 meters). Often local people say “If this thing will be ok, I will go to San Luca by feet…”
  • If your passion is soccer, go watch a match at Dall’Ara Stadium
  • For motor lovers, Bologna offers museums like “Ducati”, “Ferrari” or “Lamborghini”
  • If you are interested in food and you want to have a different experience go to “Fico” where you can taste, drink , see some animals and buy italian food.
  • If you are creative person go to “Mast”, particular building that offers some interesting photograph exhibitions.

Se questo frammento dei miei posti preferiti vi ha convinto e avete deciso di fare un giro da noi, vi consiglio caldamente di contattare ,,Gioia ( cercatela anche su Instagram https://www.instagram.com/gioia.zagni/) che vi accompagnerà in un esperienza davvero particolare.

Potrete passare un pomeriggio ad impastare e tirare la sfoglia e fare la vostra pasta fresca.

Avrete la possibilità di godervi un pasto gustando Bologna con una vera bolognese.

Tip: anche in tempi di Covid vengono offerti tour virtuali della città e lezioni di cucina tramite questa app.

If you loved this piece of my favorite place of Bologna and you want to come here you must contact ,Gioia ( on Instagram https://www.instagram.com/gioia.zagni/) that will offers to you an amazing experience.

You can spend the day kneading flour and eggs, making pasta and taste it with bolognese people.

Tip: In this Covid period she offer virtual tour and lessons of pasta.

Guarda tutte le foto sulla ,,Gallery

#bologna #pastafresca #visityourhometown

post a comment